Microbiota e intestino: che cos’è e perché dev’essere in equilibrio - Magazine - STARLIFE Team Italia

da Leonardo Iannone
STARLIFE TEAM ITALIA
Sito web gestito
Indipendent team member IT489
Vai ai contenuti

Microbiota e intestino: che cos’è e perché dev’essere in equilibrio

STARLIFE Team Italia
Pubblicato da in Salute e Benessere ·
Non solo batteri, ma anche virus, funghi e parassiti: è questa l’eterogenea popolazione che compone il microbiota intestinale. Un mondo sempre più spesso al centro di studi e ricerche. La ragione? Dalla pacifica convivenza dei microrganismi intestinali, senza che qualche famiglia di “cattivi” prenda il sopravvento, dipendono la nostra salute e il nostro benessere.

Se ne è discusso anche nei giorni scorsi a Roma, al settimo convegno mondiale Gut Microbiota for Health World Summit e nell’incontro “satellite” organizzato da Danone.

La condizione ideale: l’equilibrio
«Quando il microbiota è in equilibrio si parla di eubiosi: in queste condizioni modula la risposta immunitaria, assicura il metabolismo dei nutrienti, contribuisce alla produzione di energia, tiene sotto controllo le infiammazioni e regola l’appetito», spiega il dottor Gianluca Ianiro, gastroenterologo della Fondazione Policlinico universitario Gemelli di Roma.

Alcuni fattori possono però alterarlo: «L’età, la dieta, lo stile di vita, ma anche infezioni, interventi chirurgici e uso di farmaci, per esempio gli antibiotici. Quando la varietà dei microrganismi diminuisce, si passa a uno stato di squilibrio definito disbiosi, che spiana la strada a patologie quali diabete, allergie, malattie immunitarie, patologie cardiovascolari e perfino alcune neoplasie», aggiunge.

Ecco perché i ricercatori e gli specialisti di più branche della medicina, dalla gastroenterologia all’oncologia, stanno conducendo studi sui preziosi microrganismi intestinali.

Come coltivare i batteri buoni
Cosa possiamo fare per prevenire o risolvere la disbiosi? «Non molti sanno che comportamenti virtuosi come praticare sport, controllare lo stress e non fumareinfluenzano positivamente il microbiota. Ma prima di tutto occorre mangiare in modo sano e variato, stando alla larga dalle diete di esclusione, oggi tanto di moda, se non ce n’è davvero bisogno.

Anche un eccessivo consumo di proteine derivanti dalla carne rossa e di zuccheri può mettere a rischio l’eubiosi. Giocano invece a favore i grassi polinsaturi, in particolare gli Omega 3 del pesce e della frutta secca e le fibre indigeribili prebiotiche, come l’inulina o i galatto-oligosaccaridi contenuti in certi vegetali, per esempio i carciofi, i porri, la cicoria e i legumi», chiarisce il dottor Michele Sculati, medico chirurgo e specialista in scienza dell’alimentazione.

Non meno importanti sono gli alimenti ricchi di probiotici, quali i latti fermentati, il kefir e il miso: «Questi microbi “buoni” colonizzano l’intestino, ci proteggono da batteri e virus patogeni e producono sostanze utili all’organismo, tra cui vitamine e acidi grassi», spiega Lorenzo Morelli, docente di Biologia dei microrganismi all’Università Cattolica di Piacenza.

Il più sano? In Amazzonia
«La dieta occidentale, sempre più povera di fibre e ricca di zuccheri, ha alterato il nostro microbiota riducendo la varietà di microrganismi di cui è composto. Nella foresta amazzonica, invece, vivono indigeni con il microbiota più eterogeneo del pianeta. Questo perché seguono una dieta a base di vegetali crudi, rispettosa del ciclo delle stagioni. Inoltre non sterilizzano gli alimenti (quindi entrano in contatto con germi di ogni genere che alimentano la diversità della flora), e non fanno uso di farmaci», dice il dottor Gianluca Ianiro.



Nessun commento


STARLIFE TEAM ITALIA
Lavora con noi

Se vuoi entrare nel nostro team
vai alla sezione Team
Sito web gestito da Partner indipendente STARLIFE IT489  |  starlifeteamitalia.com © Copyright 2018 - Tutti i diritti sono riservati.
Tutte le immagini ed i marchi che si riferiscono a STARLIFE sono di proprietà della stessa azienda
Torna ai contenuti