Magazine - STARLIFE Team Italia

da Leonardo Iannone
STARLIFE TEAM ITALIA
Sito web gestito
Indipendent team member IT489
Privacy Policy
Vai ai contenuti

Colesterolo alto: sintomi, cause, cure e rimedi

STARLIFE Team Italia
Pubblicato da in Prevenzione ·
Tags: colesterolo
Il colesterolo alto, o ipercolesterolemia, può dipendere dall'alimentazione, dallo stile di vita o avere una componente genetica. Quando il colesterolo si accumula nel sangue può aumentare il rischio di patologie cardiache. Scopri i sintomi, le cause, e come curarlo e prevenirlo con l'alimentazioni e i rimedi naturali.

Il 70-80% della quantità di colesterolo che si trova nel nostro corpo viene autonomamente fabbricato dal fegato, solo  il 20-30% deriva direttamente dagli alimenti.

Quando nel sangue circola in abbondanza, il colesterolo tende a depositarsi sulla superficie interna delle arterie e a formare pericolose incrostazioni; questi depositi duri rendono meno elastiche le pareti dei vasi sanguigni e ne restringono il calibro, facendo perciò arrivare meno sangue al cervello e al cuore.

Le sostanze presenti nei cibi che più di tutte innalzano il tasso di colesterolo sono i grassi saturi (carne, formaggi, uova, latte, burro, insaccati, salumi) e, più ancora, i cosiddetti "trans": sulle etichette dei prodotti alimentari sono riconoscibili con la dicitura "grassi vegetali  idrogenati". Questi riducono la produzione del colesterolo "buono" HDL, e incrementano i livelli del "cattivo" LDL.

Esiste anche una ipercolesterolemia familiare, malattia ereditaria dovuta all'alterazione di un gene (localizzato sul cromosoma 19). I valori normali di colesterolo totale devono essere compresi fra 125 e 200 milligrammi per decilitro di sangue..

Sintomi del colesterolo alto
Non ci sono dei veri e propri sintomi, ad eccezione di casi che riguardano l'ipercolesterolemia familiare omozigote (in quel caso già dall'infanzia di notano depositi di colesterolo nella pelle, nei tendini e intorno alla cornea dell'occhio, oltre a placche lipidiche).

Nella fase iniziale il disturbo è asintomatico. Successivamente, già a uno stadio avanzato si manifestano dolore toracico con forte senso di oppressione o costrizione, crampi durante una camminata, confusione mentale, cefalea.
Cause
Livelli alti di colesterolo nel sangue dipendono principalmente dall'alimentazione: l'assunzione di cibi troppo calorici e ricchi di acidi grassi saturi ed idrogenati contribuiscono in maniera decisiva ad aumentare la colesterolemia.

Esistono però anche altri fattori importanti che possono influire sui livelli di colesterolo, come:
  • la componente genetica;
  • malattie pre-esistenti (diabete, ipotiroidismo, malattie renali e del fegato);
  • scarsa attività fisica.
Diagnosi
I sintomi non ci sono ma è molto facile l'esame per comprendere se si tratta di colesterolo alto; basta infatti un semplice esame del sangue.

Molto importante è il monitoraggio periodico dei livelli di colesterolo, a partire dai 20 anni di età. A partire dalla seconda decade di vita si consiglia di ripetere l'esame ogni cinque anni.
Maggiore la frequenza in caso di colesterolo alto o predisposizione familiare all'ipercolesterolemia.
CURE PER IL COLESTEROLO ALTO
Alimentazione in caso di colesterolo alto
Il colesterolo si divide in HDL conosciuto come “colesterolo buono” e LDL conosciuto come “colesterolo cattivo”. Spesso le LDL si accumulano quando c’è un ristagno della bile, una soluzione acquosa prodotta dal fegato.

L’alimentazione dovrà essere quindi mirata a ridurre un’eccessiva introduzione di colesterolo con gli alimenti e a stimolare il fegato e la cistifellea.

Anche i fitosteroli, composti simili al colesterolo, a cui sono correlati sia strutturalmente, sia dal punto di vista della biosintesi, competono con l’assorbimento del colesterolo a livello intestinale, riducendo in modo dose-dipendente la percentuale di assorbimento.

I cibi che contribuiscono all’aumento del colesterolo sono soprattutto due:
  • Acidi grassi saturi di origine animale come carne, insaccati e formaggi.
  • Acidi grassi “trans” che derivano dagli alimenti sottoposti a processi industriali: biscotti confezionati, merendine, cracker, fette biscottate, grissini, pan bauletto, etc..

Da preferire i cibi ricchi di acidi grassi essenziali, fra cui: pesce, oli vegetali spremuti a freddo e semi vegetali.
Nel colesterolo sono altrettanto importanti i cibi ricchi di vitamine antiossidanti: vitamina A, vitamina C e vitamina E.
Gli alimenti anticolesterolo per eccellenza sono: limoni, mandorle, cereali integrali, legumi, ricca di frutta e verdura di stagione, oltre al già sopracitato pesce e agli oli vegetali, tra cui l'olio di girasole.

L'assunzione regolare di pistacchi aiuta a tenere sotto controllo il livello di colesterolo nel sangue e a prevenire disturbi cardiovascolari.

Discorso a parte per l’uovo: da sempre demonizzato (inutilmente) per il suo contenuto in colesterolo, in realtà è un alimento perfettamente armonico e bilanciato in quanto il tuorlo contiene la colesterina e l’albume contiene la vidina, una sostanza antagonista alla colesterina, con l’unica raccomandazione che venga mangiato intero.

Rimedi fitoterapici
Per curare l’ipercolesterolemia si utilizzano erbe e piante officinali e oli vegetali in grado di sciogliere le molecole del grasso depositato, fluidificare il sangue e agevolare la sua eliminazione, attraverso gli organi emuntori, fegato e reni.
  • Guggul: (Commiphora wightiil), questa resina è utilizzata per i disor- dini metabolici che si accompagnano all’obesità e all’aterosclerosi, perché è in grado di intervenire positivamente sul metabolismo dei lipidi, contribuendo ad abbassare il livello di colesterolo cattivo (LDL) dal sangue;
  • Riso rosso fermentato: prende il nome dalla caratteristica colorazione, dovuta alla fermentazione del comune riso da cucina (Oryza sativa), ad opera di un particolare lievito, chiamato Monascus purpureus o lievito rosso. Questo rimedio rappresenta un componente tradizionale della medicina tradizionale cinese, ma oggi comunemente impiegato in occidente, proprio per le preziose virtù ipocolesterolemizzanti;
  • Aglio: (Allium sativum) è un antiaggregante piastrinico e fibrinolitico. La sua assunzione migliora l’equilibrio HDL/LDL e riduce i trigliceridi. Utilizzato sotto forma di estratto secco standardizzato, o in perle, è un rimedio assai utilizzato nei casi di ipercolesterolemia, ipertensione, prevenzione dell’arteriosclerosi;
  • Garcinia: (Garcinia cambogia) la scorza del suo frutto blocca la sintesi di acetilcoenzima A, un substrato energetico utilizzato dall’organismo per la sintesi del colesterolo e altri lipidi, favorendo la disgregazione del colesterolo, per azione enzimatica, e la sua eliminazione attraverso le feci.



Nessun commento


STARLIFE TEAM ITALIA
Lavora con noi

Se vuoi entrare nel nostro team
vai alla sezione Team
Sito web gestito da Partner indipendente STARLIFE IT489  |  starlifeteamitalia.com © Copyright 2018 - Tutti i diritti sono riservati.
Tutte le immagini ed i marchi che si riferiscono a STARLIFE sono di proprietà della stessa azienda
Torna ai contenuti